Inizio del nuovo anno scolastico

Siamo in verità già all’inizio del corso di febbraio, ma il tempo è letteralmente volato. Le ultime settimane sono state davvero frenetiche a scuola (ed il blog ne ha risentito…) e tante sono le novità che abbiamo preparato nel programma di quest’anno, sia nella didattica che nell’organizzazione in generale. Vi aggiorneremo per gradi sulle nuove idee che abbiamo messo in cantiere per il 2011, soprattutto sul versante della formazione per docenti.

Nel frattempo abbiamo trascorso un piacevole gennaio, con il meteo che oscillava fra temperature insolitamente calde e copiose nevicate, incompagnia di un gruppo di studenti davvero fantastici. Ecco una bella foto di gruppo:

Nel corso del mese abbiamo avuto la fortuna di partecipare ad un evento di grande valore interculturale, che durerà fino al 6 febbraio. Grazie, infatti, alla collaborazione tra il Circolo Italiano di Brusque, in Brasile, il Comune e la Pro Loco di Castelraimodo (e la nostra scuola, ovviamente!) sei artisti brasiliani hanno allestito un’interessante mostra d’arte contemporanea dal titolo: “Andiamo via! Sguardi agli elementi effimeri ed alle distorsioni presenti nella vita quotidiana delle grandi città e degli spazi urbani”.

Questa mostra ha dato l’occasione ai brillanti artisti di trasformare i visitatori in “andarilhos urbanos””, alla scoperta delle metropoli, delle comunità, delle storie brasiliane attraverso l’interazione con il paesaggio reso da ceramiche, fotografie, cibi, graffiti e poesie.



Un grazie speciale va dunque ai protagonisti di tale bellissima mostra, dal tema indubbiamente stimolante per un territorio come il nostro lontano dai grandi scenari urbani. A tutti loro auguriamo un avvenire di successo e soddisfazioni. Ecco i nomi dei talentuosi artisti:

BINHO MATURANO, Ceramica (Rio de Janeiro)

ANDRÉ LUIZ LENZI, Gastronomia (Rio do Sul)

INARA FRANCISCO, Fotografia (Curitiba)

MÁRCIO FUMAGALLI, Poesia (Brusque)

NATARAJ TRINTA, Graffiti (Rio de Janeiro)

MIRIAM CRUZ E PRADO, Fotografia (Brusque)

Share

Rispondi