Un articolo dal Brasile

Pubblichiamo con piacere un articolo di una nostra studentessa brasiliana su una sua interessante esperienza di viaggio a Manaus, in Amazonia. Grazie, Aline, per questo contributo!

Tu sai che la parola “Manaus” significa “Madre di divinità”? Anch´io non lo sapevo però ho rischiato di conoscere l’Amazzonia senza informazioni sul luogo. E per la mancanza di conoscenza avevo paura quando il comandante della aeronave ha detto:

“- Squadra, prepararsi per l’atterraggio a Manaus.”

Stavo immaginando dove sarebbe andato ad atterrare quell’aeroplano gigante, forse nella foresta, nell’acqua o nelle strade solo di terra. Ma per la mia felicità dopo 15 minuti di volo, grazie al dio, ho avvistato una città enorme con costruzioni e la pista di atterraggio! Così come il mondo intero, anche i brasiliani pensano che Manaus (capitale dichiarata dell’Amazonia) sia un paesaggio  fatto di foresta, di indiani, di alimenti esotici e di animali selvaggi. Ma quando si arriva a Manaus posso testimoniare che si assiste all’intenso transito di oltre un milione e settecento mila abitanti mescolati con un paesaggio fantastico e circondati dal fiume nero, e non è un caso che la città sia il centro finanziario principale della regione del nord e uno dei luoghi più costosi del Brasile. Il turismo ecologico a Manaus è intenso, ma la città non vive soltanto con la foresta. Qui c’è il teatro dell’Amazzonia, ci sono le fiere nel centro della città di tutti i tipi (fiera della banana, dei pesci, di pupunha…). Il commercio è messo in movimento da milioni di turisti che arrivano nella città tutto l’anno, oltre alle crociere da tutte le parti del mondo che portano al centro della città, inoltre molti film sono registrati negli outskirts di Manaus. La città attira così tanto l’attenzione che ha usufruito anche della generosità della corona britannica: quando ero lì, il principe Charles in persona ha donato dei soldi per investire nell’agricoltura. È una regione in cui si possono incontrare le bestie selvaggie, gli indios e il traffico della città grande. Si tratta di un posto che merita l’attenzione per la ricchezza naturale e deve essere conservato dal progresso per non perdere la leggendaria bellezza della più grande foresta del mondo.

Share

1 Comment on "Un articolo dal Brasile"

  1. Daniele | 22/05/2009 at 22:28 |

    Brava Aline! Ci manchi!

Rispondi