Una recensione: “L’utile e il dilettevole”

E’ appena arrivata a scuola una copia fresca di stampa del libro “L’utile e il dilettevole“, primo volume del nuovo eserciziario di grammatica della Loescher. Diviso in 19 unità relative ai principali temi della grammatica di base, il libro si propone come una possibile integrazione ai numerosi corsi in commercio per i livelli che vanno dall’A1 al B1.

A prima vista non sembra nulla di rivoluzionario, le ennesime 200 pagine dense di esercizi, stampate in bicromia e dal formato tutt’altro che innovativo. La domanda nasce spontanea: ancora ce n’è bisogno di libri del genere?? La risposta esce quasi altrettanto spontanea: direi proprio di sì. Inutile negarlo, eserciziari come questo rispondono alla costante richiesta di tantissimi docenti che possono essere innovativi quanto si vuole (nel migliore dei casi…), ma sono comunque sempre a caccia di qualche esercizietto nuovo per rinforzare i pronomi, oppure cercano un’attività per una verifica finale, oppure semplicemente hanno deciso di rendere pan per focaccia a quella classe che proprio si rifiuta di seguirli: eccovi servita un’abbuffata di grammatica! E quanti di noi si sono trovati in situazioni in cui gli studenti volevano solo quelli, nient’altro, tanto erano radicate le loro vetuste abitudini d’apprendimento…

Ma ritorniamo al libro. Superate le iniziali reticenze mi sono messo ad analizzarlo e l’ho pure provicchiato in classe, contando sul fatto che la Loescher di solito fa cose che mi piacciono. Beh, vi devo dire che anche in questo caso credo che abbiano realizzato davvero un buon libro! Va bene, alcuni esercizi sono i soliti, ma non si può pretendere altrimenti. C’è piuttosto una notevole cura di realizzazione, quasi mai i contenuti sono banali, il lessico degli esercizi è ben calibrato. Certo le schede grammaticali non sono niente di che, ma in fondo non sono quelle che servono a giustificare l’acquisto (a meno che non sia per l’autoapprendimento). Anche le foto latitano, ma non si tratta poi di un problema; invece i fumetti sono tanti e carini. Proprio i fumetti danno adito a parecchie attività originali, con spunti comici, obiettivi stimolanti e con innumerevoli riferimenti culturali. Ci sono anche esercizi per la riflessione metalinguistica, sebbene ne avrei preferito qualcuno in più.

Insomma, se proprio devo dirla tutta mi pare davvero un ottimo eserciziario, forse il migliore dall’uscita dell’intramontabile “Grammatica pratica della lingua italiana” dell’Alma, più comunemente noto come “la grammatica gialla”!

“L’utile e il dilettevole” costa 15 euro, un prezzo ragionevole per un testo pieno di esercizi spesso sorprendenti, con in coda le chiavi. Sono indicate ulteriori risorse disponibili nel sito web della Loescher ma, come spesso accade per l’italiano a stranieri, sul sito c’è ancora poco o nulla. Supplementi o meno, direi che vale la pena comprarlo.

Share

Be the first to comment on "Una recensione: “L’utile e il dilettevole”"

Rispondi